Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘amici’

Verrebbe da dire “Olé”.
E invece è stato il prologo delle nostre future degustazioni (la prossima si terrà questo Giovedì presso l’Enoteca il Torchio di Palermo – per informazioni contattateci, il luogo è indicato sulla cartina di Sorsetti).

Ma andiamo con ordine.
Presso la deliziosa abitazione di Maripink (al secolo Maria Rosa, la fisioterapista del gruppo di Sorsetti) si è tenuto questo incontro Ispanico, i cui vini sono stati portati dalla stessa Maripink comprati durante il cammino di Santiago che ha fatto insieme ad un altro del gruppo di Sorsetti: Marco (l’ingegnere costruttore di porti).
La degustazione, come sempre è stata guidata (con caliente fervore) da Lorenzo (Il nostro “guru”).

Il primo vino ad essere degustato è stato un Riscal S.L. Tempranillo del 2004

All’esame visivo si è presentato abbastanza limpido di un colore rosso rubino abbastanza consistente.
All’olfatto ci ha colpiti per la sua intensità e complessità degli aromi sprigionati fra cui abbiamo distinto le note del floreale e del fruttato ma anche le spezie (cuoio, chiodi di garofano).
Per quanto attiene all’esame gusto/olfattivo si è presentato come un vino sicuramente caldo, testimonianza ne sono i suoi ben 14 gradi), secco e morbido al palato. Una sicura presenza di tannini, ma non eccessiva, abbastanza fresco e sapido. Non peccava certo in equilibrio e di intensità e la cui persistenza del sapore ne esaltava la finezza. Un vino sicuramente pronto ed abbastanza armonico nelle sue parti. (voto: 89/100, per Masetta 92/100… ma lei è buona…)
Insomma: ce lo siamo bevuti.

Il secondo vino era un Herederos del Marqués del Riscal S.A. Alciego Rioja (Reserva) del 2002.

Con questo vino, dirò subito, che l’entusiasmo è salito alle stelle, tanto che:
mentre Masetta, che compilava diligentemente la nostra scheda, chiedeva spiegazioni e lumi al nostro Guru, quest’ultimo (ovvero Lorenzo) perso nei suoi aromi, infastidito da qualunque domanda che lo distraesse dal suo godimento, quasi che lo spirito di Don Camilo Hurtado de Amézaga si fosse impossessato di lui, risponde testualmente “Scrivici che è buono” (alla faccia delle notazioni tecniche) .

Comunque possiamo dire che si tratta davvero di un vino straordinario: limpido di un consistente rosso rubino.
L’esame olfattivo ha denotato una straordinaria intensità e complessità senza rinunciare alla delicatezza delle note fruttate e speziate (pepe, frutta sotto spirito).
L’esame gusto olfattivo ha poi coronato degnamente le sue premesse: morbido, secco, abbastanza tannico, corposo e caldo (anch’esso 14 gradi). Persistente ed equilibrato: un vino davvero pregevole.
Evviva la Spagna!

Il tutto è stato accompagnato dala ricca dispensa portata per l’occasione da Lorenzo:
Prosciutto crudo della foresta Nera (che paura, ce lo siamo finiti subito);
Fior di Garofalo;
Tuma Persa (la mia preferita);
Marzolino del Chianti;
Pecorino Rosso Toscano (ah questi comunisti…);
Pasqualora di Camporeale.

Il team di sorsetti era al completo (e chi se la faceva sfuggire una serata simile): Lorenzo, Masetta, Maripink e Marco, Alberto e Chiara (i nostri due nuovi blogger), Giulia, Dario e il sottoscritto (che ha gradito).

Alla prossima (che vi ricordo è fissta per Giovedì 22 Novembre… se non ci siete fatti vostri).

Read Full Post »

Come promesso ecco il resoconto della serata avente ad oggetto la degustazione (informale) delle birre in cui era presente tutto il gruppo di Sorsetti.

Segue la Cronaca della Serata.

(altro…)

Read Full Post »